Ultimi articoli
DUE BRIGANRI CALABRESI DEL XVI Sec.: NINO MARTNO E MARCO BERARDI
Varie

DUE BRIGANRI CALABRESI DEL XVI Sec.: NINO MARTNO E MARCO BERARDI

La Calabria fu sempre terra di briganti e sul suo territorio, nel secolo XVI, «i fratelli Pipino di Seminara, Ercole Ravese di Varapodio, Giovanni Canino nelle montagne di Taverna, operavano scorrerie in proporzioni imponenti; briganti come Marco Berardi, detto “Re Marcone”, si impossessavano di Cotrone, dopo aver debellato la guarnigione spagnola (solo l’intervento di Fabrizio … Continua a leggere

Blog/Lettere/Poesie

Lettera inedita: Penelope ad Omero

di Gianluca Berno Circa duemila anni fa, Orazio pubblicava le sue Heroides, lettere immaginarie in versi, scritte da grandi donne della letteratura ai rispettivi mariti o compagni o amanti. Ripensando a quest’idea del poeta latino, mi è venuto in mente d’immaginare una lettera di Penelope; non ad Odisseo, di cui ignorava l’indirizzo, bensì al suo autore. Continua a leggere

Poesie

Maschere

  Le maschere che incontro disorientano il mio pensiero scuotono il mio equilibrio fragilmente appeso ad un ramo secco che precipitando nel vuoto trascina filamenti di me. Il vento della falsità turba la mia serenità. Senza forza resto smascherato. (Falsità delle Falsità, tutto è Falsità. Quale bramosia ricava l’uomo da tutto l’inganno per cui fatica … Continua a leggere

Blog/Libertà d'espressione/Riflessioni/Scrivere/Settimanale16

Un giorno qualunque, San Valentino

Lontana dai luoghi comuni e dai classici auguri per l’odierna festa degli innamorati, oggi mi sento di esprimere alcune riflessioni private in merito a quella parola tanto inflazionata e idealizzata, l’amore. Ieri sera lo zapping sfrenato di mio marito ha portato entrambi a ipnotizzarci sul racconto di un’esperienza di vita drammatica di una mia coetanea … Continua a leggere

E FU POESIA
Poesie

E FU POESIA

Quando le stelle ancor erano esangui e stentava la luce a farsi strada nell’universo denso, già mormorava un alito, un insetto ronzante pertinace si dibatteva intrepido tra il piccolo e l’enorme. Quando la nebbia avvolse le coscienze e della chioma della dea maligna restò solo una ciocca nella mano di pietra che s’ostinava a carezzarle … Continua a leggere

Poesie

Una nota

Lo strazio di una nota che stridente dimentica il suo essere melodioso ed esistendo stonata stralcia, impertinente, ritmi misurati da millenarie tradizioni musicali. Quella singolare nota, nella sua ingenua diversità, nella differente unicità del suo scandire il Tempo, ci regala la possibilità di un risveglio, quando cullati da un suono prolungato senza interferenze, nemmeno più … Continua a leggere